Dolori da ciclo, quest’ortaggio è in grado di alleviarli moltissimo: economico, buono e con proprietà benefiche

La natura offre sollievo: scopri come questo ortaggio può lenire i dolori mestruali in modo economico e salutare

L’esperienza mensile dei dolori mestruali può essere estenuante per molte donne, influenzando negativamente la loro qualità di vita. Tuttavia, madre natura ci offre spesso soluzioni semplici ma efficaci. In questo contesto, un ortaggio particolarmente sottovalutato emerge come un alleato prezioso: economico, gustoso e dotato di proprietà benefiche.

Come alleviare i dolori delle mestruazioni
Sperimenta il potere lenitivo della natura: un’allegra soluzione per i dolori mestruali (www.etruriaoggi.it)

Esploreremo come questo ortaggio, facilmente reperibile, possa alleviare i dolori mestruali in modo significativo, offrendo un sollievo naturale e accessibile a tutte.

Prova questo ortaggio per ridurre i sintomi del ciclo mestruale e i dolori connessi

Il finocchio è da tempo noto per i suoi molteplici benefici per la salute, ma forse non tutti sono a conoscenza del suo potenziale nel lenire i sintomi del ciclo mestruale. Questo ortaggio, oltre a essere economico e versatile in cucina, può offrire un valido sollievo durante quei giorni difficili. Il finocchio è ricco di sostanze nutritive come vitamine (A, B e C) e sali minerali, ed è praticamente privo di amidi e lipidi.

Ma ciò che lo rende particolarmente interessante per le donne è la sua capacità di regolare i livelli ormonali grazie alla presenza di flavonoidi o fitoestrogeni, sostanze estrogeniche naturali. Queste proprietà lo rendono un alleato prezioso per ridurre i sintomi del ciclo mestruale, come crampi addominali e irritabilità.

Utilizza il finocchio per ridurre gli sprechi
Scopri come il finocchio può essere il tuo alleato naturale durante il ciclo mestruale: riduci i sintomi e evita gli sprechi in cucina! (www.etruriaoggi.it)

Inoltre, il finocchio è noto anche per alleviare gli spasmi muscolari e migliorare la funzione epatica, fornendo un sollievo generale durante quel periodo del mese. Con solo poco più dell’1% di proteine e il 3% di fibre, il finocchio è un ortaggio a bassissimo contenuto calorico (appena 9 calorie per 100 grammi di prodotto!) ed è quindi ideale per chi segue una dieta dimagrante. Inoltre, è ricchissimo di vitamine (A, B e C) e sali minerali (potassio, calcio, fosforo, sodio, magnesio, ferro, zinco, manganese e selenio), ma praticamente privo di amidi e lipidi – il che ci permette di apprezzarne tutti i benefici senza sensi di colpa. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le proprietà di questo ortaggio:

  • Riduce i sintomi del ciclo mestruale e i dolori connessi a esso.
  •  Previene e allevia gli spasmi muscolari.
  •  Migliora la funzione epatica.
  •  Stimola l’appetito e la secrezione gastrica, ed è quindi suggerito in caso di inappetenza.
  •  È utile in caso di aerofagia e meteorismo – oltre che per contrastare la flatulenza.
  •  Grazie al contenuto di fibre, favorisce la motilità gastrica e può essere impiegato anche nel trattamento di diversi disturbi dispeptici.
  •  Grazie alla presenza di flavonoidi o fitoestrogeni, sostanze estrogeniche naturali, aiuta la regolazione dei livelli ormonali femminili, tanto da essere particolarmente utile nello stimolare la produzione di latte nelle donne che allattano.

Riutilizzare gli scarti del finocchio

Vediamo ora come possiamo riutilizzare quelle parti solitamente considerate scarti e gettate via – ovvero i gambi verdi e le foglie superiori, dette anche “barba”.

  1.  I gambi possono diventare un ingrediente per deliziose zuppe o vellutate invernali, molto utili per contrastare il freddo di queste settimane. Ci basterà tagliarli a tocchetti, dopo averli ben lavati, e aggiungerli al nostro mix di verdure preferito. Unendo i gambi con altre verdure, creeremo facilmente un piatto ricco di sapori e vitamine: questa soluzione non solo riduce gli scarti, ma aggiunge anche una nota fresca e croccante al piatto, valorizzando al massimo ogni componente del finocchio.
  2. Per quanto riguarda la barba del finocchio, essa può trasformarsi in un delizioso pesto, andando a sostituire le classiche foglie di basilico tipiche della stagione estiva, che in inverno non è facile reperire. In alternativa, possiamo frullare le foglie del finocchio insieme a olio, sale e un po’ d’acqua calda per creare una salsa verde aromatica da utilizzare come accompagnamento per carni e pesce.
Impostazioni privacy